Circolo Ufficiali Marina Mercantile - Riposto

Corso Italia, 70 - 95018 RIPOSTO (CT) - Tel. 095 934319 - E_mail: copani@artemare.it 

                                                                                                                                  Hit Counter

Home ] Su ] 1995: primo atto ] Convegno "Muoversi per mare" ] Interv. Cons. Com. 2000 ] Depliant Artemare ] Manifesto ] Convegno Commercianti ] Volantino ] Richiesta variante ] Gite per mare ] Interv. Cons. Com. 10.04.02 ] Presenza Ass.Regionale ] [ Ecco i fatti ] Comitato vigilanza ] Interv.Cons.Com.10.09.02 ] Conferenza aprile 2003 ] Banchine di riva ] Panoramica del porto ] Porto Montecarlo ]

 

ECCO I FATTI

Nel 1985, la Giunta comunale al completo (S. Rapisarda, C. D’Urso, R. Di Bella, M. Di Pino, S. Di Bella, G. Vasta e A. Costanzo) prende in considerazione la possibilità di sfruttare lo specchio d’acqua del porto con l’inserimento di una sezione turistica dando incarico per l’elaborazione di un nuovo Piano Regolatore del Porto.

A quell’epoca, il nostro Porto aveva la classifica di 2ª categoria 2ª classe, corrispondente a porto d’interesse nazionale, e come tale poteva attingere a finanziamenti regionali e nazionali.

Nel giugno del 1987, la Giunta comunale presenta al Consiglio, per l’esame e l’approvazione, il nuovo Piano Regolatore Generale del Porto. Il Piano prevede la conversione della struttura esistente in porto turistico e peschereccio e sposta la sezione commerciale in una nuova struttura da realizzare a nord dell’esistente. Il Consiglio comunale approva il Piano con la delibera n. 135 del 09/06/1987 nella quale risulta imposta la condizione che l’attività commerciale possa continuare nel frattempo che venga completata l’intera opera.

L’Assessorato al Territorio e Ambiente, nel settembre del 1988, approva il Piano con delle prescrizioni del Genio Civile OO.MM. di Palermo e del Consiglio Regionale dell’Urbanistica e specificando che la suddetta delibera comunale ne fa parte integrante. L’art. 3 del decreto d’approvazione onera l’Amministrazione comunale ad ottemperare agli atti conseguenti alle prescrizioni imposte e a trasmettere le tavole di piano oggetto delle modifiche. L’Amministrazione comunale, però, non dà seguito a quest’art. 3 del decreto.

La Regione, alla fine degli anni ’90, rilascia ad un Ente privato la concessione di una banchina interna al porto turistico; proprio quella le cui prescrizioni del Consiglio comunale e del Genio Civile volevano che fosse accorciata per non ostacolare le funzioni del porto commerciale (la prescrizione del Comune) e di quello peschereccio (le prescrizioni del G.C.). Il 30 aprile 2002, in una tavola rotonda costituitasi a Palermo presso l’Assessorato Regionale al Territorio ed Ambiente, i Responsabili hanno convenuto di riconoscere la sola prescrizione del G.C. imponendo al costruttore il ritiro di 8 metri della testata della banchina. Il costruttore, per bontà sua, ha dichiarato che si asterrà dal realizzare il molo 20 previsto per le sole imbarcazioni in transito.

La Regione Siciliana, con Decreto Regionale 7 marzo 2001, ha declassato il Porto di Riposto dalla 2ª alla 3ª classe, che corrisponde a struttura d’interesse non più nazionale ma interregionale (niente più contributi statali), ed ha assegnato le funzioni di: commerciale, servizio passeggeri, turistica e da diporto, peschereccia.

Ora Riposto, senza il rispetto della citata delibera comunale, si ritrova, almeno fino a quando non verrà realizzata la nuova sezione mercantile, un porto declassato e senza le funzioni di commerciale e di servizio passeggeri.

Non siamo contro il porto turistico e in modo assoluto contro chi lo sta realizzando. Diciamo solo che:

1) - Oggi non vogliamo perdere ciò che dal 1836 i nostri avi hanno fortemente voluto: uno specchio d’acqua per l’attracco delle navi di piccole/medie dimensioni.

2) - Vogliamo un porto turistico che deturpi l’ambiente il meno possibile: meno terra e cemento a mare; banchine e pontili che lascino intravedere il mare sotto; banchina di costa che non ostacoli la visuale del mare prevedendo fabbricati per i soli servizi tecnologici e possibilmente interrati; lungomare spazioso con ampi marciapiedi; parcheggi adeguati; strada di svincolo a scorrimento veloce.

3) - Vogliamo un porto turistico che soddisfa le esigenze d’oggi e non quelle di venti anni fa. Il Piano Regolatore del porto prevede posti barca da 6 a 24 metri e cioè per natanti ed imbarcazioni da diporto. La tendenza odierna è quella di prevedere posti barca fino ed oltre 60 m e quindi per imbarcazioni e navi da diporto. Noi chiediamo un porto turistico più rivolto al transito che allo stazionamento.

Perché questa lettera aperta? Perché non ci sentiamo tutelati dalle Istituzioni. Queste sembrano sorde alle nostre richieste. Prima o poi dovranno giustificare questa loro presa di posizione. Perché, se la delibera n.135 ha valenza, allora bisogna difendere l’attività mercantile. Nel caso contrario si dica alla cittadinanza la verità.

Riposto, maggio 2002

Il Presidente

Gioacchino Copani